Goldman Sachs scarta l’idea per la carta di credito diretta al consumatore dopo il cambio di strategia

  • Una carta di credito Goldman avrebbe fatto parte di una suite di prodotti per aiutare a migliorare i margini di profitto e la lealtà dei suoi sforzi di vendita al dettaglio, secondo le persone a conoscenza della questione.
  • Quando ha ridimensionato i piani per diventare la banca principale per le masse, la logica per una carta Goldman è svanita, ha detto una delle persone.
  • Le ambizioni della banca nel credito al consumo hanno superato la sua capacità di realizzarle, ha riconosciuto Solomon il mese scorso.

Goldman Sachs ha abbandonato i piani per sviluppare una carta di credito a marchio Goldman per i clienti al dettaglio, un’altra vittima del perno strategico dell’azienda, ha appreso CNBC.

Non molto tempo fa, il CEO David Solomon ha dichiarato agli analisti che la banca stava sviluppando una propria carta, che avrebbe utilizzato la piattaforma creata da Goldman per la sua partnership con Apple Card.

Faceva parte di una visione ambiziosa che Solomon aveva di servire gli americani di tutti i giorni andando oltre le competenze chiave della banca d’investimento di 154 anni. Una carta Goldman avrebbe fatto parte di una suite di prodotti, incluso un conto corrente digitale, per aiutare a migliorare i margini di profitto e la lealtà dei suoi sforzi di vendita al dettaglio, secondo le persone a conoscenza della questione.

Quella visione si è sgretolata dopo che Solomon ha ceduto alle pressioni per arginare le perdite dalle sue attività di consumo mentre le nubi temporalesche si sono addensate sull’economia statunitense lo scorso anno. A ottobre, la banca ha diviso le sue operazioni al dettaglio in una revisione aziendale e poi detto stava chiudendo la sua attività di prestiti personali Marcus e accantonando i piani per offrire ampiamente un conto corrente.

Quando ha ridimensionato i piani per diventare la banca principale per le masse, la logica per una carta Goldman è svanita, ha detto una delle persone, che ha rifiutato di essere identificata parlando di un ex datore di lavoro.

I dirigenti avevano creduto che i consumatori avrebbero desiderato una carta di Goldman Sachs. Dopotutto, Mela aveva insistito sul fatto che Goldman Sachs fosse inciso sul retro delle sue carte in titanio, non il marchio Marcus che Goldman ha svelato nel 2016, secondo una persona a conoscenza della questione.

Consentirebbe alla banca di essere più esigente con chi ha approvato come clienti e non richiederebbe la condivisione delle entrate con un partner, come fa con Apple.

Ma lanciare la propria carta sarebbe ancora più costoso che collaborare con un marchio esterno, poiché Goldman avrebbe sostenuto il costo dell’acquisizione di clienti e attirandoli con premi. Giganti di carte compresi JPMorgan Chase E Citigroup hanno una combinazione di prodotti co-brand con compagnie aeree e rivenditori e le proprie carte dirette.

Il concetto di una carta Goldman è emerso per la prima volta nell’ottobre 2021 quando un analista ha chiesto a Solomon della roadmap dei suoi prodotti di consumo. Un’idea era quella di utilizzare la tecnologia delle carte creata per servire i clienti Apple Card per la propria carta, ha affermato.

“Abbiamo la nostra piattaforma di carte di credito che penso sia davvero differenziata e stiamo integrando entrambe le altre partnership, ma abbiamo anche l’opportunità di una carta proprietaria che è in fase di sviluppo”, ha affermato Solomon.

Anche se l’idea di una carta offerta con una suite di prodotti bancari lo era menzionato fino alla scorsa estate, poco era stato fatto per svilupparlo effettivamente, secondo le persone a conoscenza della situazione.

Le ambizioni della banca nel credito al consumo hanno superato la sua capacità di realizzarle, ha riconosciuto Solomon il mese scorso. Non ha aiutato il fatto che i suoi prodotti di carte esistenti abbiano attirato l’attenzione delle autorità di regolamentazione, incluso il Consumer Financial Protection Bureau.

“L’idea di una carta di credito Goldman Sachs proprietaria rivolta al consumatore è stata discussa ma non è mai diventata una parte significativa della nostra strategia”, ha affermato un portavoce della banca con sede a New York.

Read More

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *